Dal 2021 gli artisti stranieri devono richiedere un visto per esibirsi in UK

Written by on 23rd May 2020

Dal 2021 i musicisti provenienti da Paesi esteri che vorranno esibirsi in Regno Unito dovranno richiedere un visto per garantire la propria performance. La nuova norma comprende sia band di origine europea che extra-europea che devono inoltre dimostrare (circa 90 giorni prima di richiedere il visto) di avere £ 1000 di risparmi sul loro conto. Questa somma di denaro è considerata come prova che auto-sostenimento, a meno che non siano artisti emergenti.

Gli artisti avranno bisogno di un visto “Tier 5” per visitare il Regno Unito per lavoro – che comprende spettacoli, audizioni, seminari, presenze al festival, conferenze ed eventi. Si prevede che avrà un costo di £ 244 ed entrerà in vigore nel gennaio 2021, dopo la fine del periodo di transizione nel dicembre 2020.

Tale decisione ha ricevuto critiche da Deborah Annetts, amministratore delegato della Incorporated Society of Musicians, che ha dichiarato su The New European: “Siamo profondamente delusi dal fatto che la libera circolazione di musicisti e altri artisti dall’UE sia stata esclusa e chiediamo al governo del Regno Unito di riconsiderare la nostra richiesta per un visto di due anni, per ingressi multipli”

Ha aggiunto: “Quest’ultimo sviluppo significherà che gli artisti che visitano il Regno Unito dall’UE per motivi di lavoro dovranno fare domanda per i visti,  o seguire una rotta per i visitatori d’affari a breve termine come il coinvolgimento discreto autorizzato a pagamento (DPI) .

Intanto l’Unione dei musicisti ha istituito una petizione che “chiede al governo e al parlamento di appoggiare un passaporto degli che lavorano nell’UE dopo la Brexit”.


Current track

Title

Artist

Background