I parlamentari inviano una lettera al Cancelliere Sunak per salvare i festival musicali

Written by on 7th January 2021

Roberta Chiatti (Londra) – I parlamentari e oltre 100 voci dell’industria musicale hanno inviato una lettera al Cancelliere Rishi Sunak chiedendo di fornire una migliore “rete di sicurezza” per i festival musicali evitando che si perdano per sempre.

Questa settimana è stato comunicato che i festival di quest’ estate potrebbero essere annullati già da questo mese senza il sostegno del governo e le garanzie in merito a assicurazione, finanziamento, vaccino e test di massa. Se i festival dovessero esser annullati per un’altra estate,  si teme una loro definitiva scomparsa.

Ora, il comitato dei parlamentari ha scritto al Cancelliere chiedendogli di estendere i regimi assicurativi contro il coronavirus sostenuti dal governo dopo che Glastonbury ha chiesto al governo un sostegno simile il mese scorso.

Nella lettera (che riportiamo di seguito) si afferma che “senza assicurazione, gli eventi che conosciamo e amiamo semplicemente non avranno luogo sia con che senza vaccino.

Nella lettera di legge:

“Il governo ci sta dicendo che la vita dovrebbe tornare alla normalità entro l’estate, ma a meno che non possa fornire una rete di sicurezza, sarà un’estate senza festival”, dichiara il presidente del comitato Julian Knight MP. “L’industria afferma che senza un’assicurazione sostenuta dal governo, molti festival ed eventi di musica dal vivo non si svolgeranno perché gli organizzatori non possono rischiare di bruciarsi le dita per un secondo anno.

Il Comitato ha sentito dagli organizzatori del festival che si tratta di una questione urgente. L’assicurazione deve essere il primo passo per sbloccare l’enorme contributo che i festival danno alla nostra economia, proteggendo non solo le filiere, ma i musicisti che si affidano ad esse per lavoro”

Poi aggiunge : “Il governo offre già un livello di copertura alle industrie cinematografiche e televisive, ora è il momento di estendere il supporto ad altre industrie creative o rischiare di perdere alcuni dei nostri festival più amati e famosi in tutto il mondo”.

I festival, le esibizioni dal vivo e la musica dal vivo sono la linfa vitale dell’industria dell’intrattenimento nel Regno Unito, fornendo un enorme contributo al nostro panorama culturale e alla nostra economia. Solo nel 2019, il valore aggiunto lordo all’economia dai festival è stato di 1,76 miliardi di sterline e quasi 1 britannico su 3 ha guardato Glastonbury in TV. La musica dal vivo è anche uno dei motivi principali per cui le persone visitano le nazioni e le regioni del Regno Unito: nel 2019 i turisti della musica hanno speso 460 milioni di sterline nelle sole Midlands e hanno sostenuto oltre 45.000 posti di lavoro a livello nazionale.

“La pianificazione per i festival, le esibizioni dal vivo e gli eventi di quest’anno è in corso ora, e mentre il lancio del vaccino è motivo di ottimismo, gli organizzatori hanno bisogno di fiducia che questo lavoro e questo investimento non andranno sprecati.

“Senza assicurazione, gli eventi che conosciamo e amiamo semplicemente non avranno luogo quest’anno: vaccino o non vaccino. Sostenere perdite come quelle che abbiamo visto nel 2020 per un altro anno non è un’opzione e centinaia di aziende nella catena di fornitura degli eventi sono già state costrette a chiudere. Il governo ha sostenuto un’assicurazione per l’industria cinematografica e televisiva per un importo di 500 milioni di sterline. È giunto il momento di farlo per altri settori creativi.

“Ci sono molte forme che questo potrebbe assumere. Uno di questi non richiede alcun contributo anticipato da parte del governo e utilizza la struttura del Pool Re esistente, sviluppata in risposta ad atti di terrorismo imprevedibili e devastanti. Ciò lascerebbe al Tesoro una responsabilità massima di 1,5 miliardi di sterline e potrebbe essere adattato per coprire una vasta gamma di settori, tra cui ospitalità, sport e tempo libero, nonché festival, spettacoli dal vivo ed eventi.

“[…] Ti chiediamo di agire subito e di sostenere i rinomati eventi, musica, festival, ospitalità e teatri del Regno Unito, solo per citarne alcuni, in modo che i mezzi di sussistenza siano salvati e le persone abbiano qualcosa da aspettarsi nell’estate del 2021 e oltre”.

La lettera è stata firmata dai parlamentari del comitato DCMS, nonché da oltre 100 membri e organismi dell’industria musicale tra cui Music Venue Trust, Association of Festival Organizers, Featured Artists Coalition, Night Time Industries Association, PRS For Music, #WeMakeEvents , UK Music e Ivors Academy.

 


Current track

Title

Artist

Background