Phil Spector, l’ex produttore dei Beatles, è deceduto a causa del Covid-19

Written by on 17th January 2021

Roberta Chiatti (Londra) – Phil Spector, il noto produttore americano, è morto ieri, 16 gennaio,  all’età di 81 anni a causa del Covid-19.

Il suo decesso è stato però confermato sole poche ora fa dal California Department of Corrections and Rehabilitation (CDCR): “Il detenuto della California Health Care Facility Phillip Spector è stato dichiarato deceduto per cause naturali alle 18:35. sabato 16 gennaio 2021 […] La sua causa ufficiale di morte sarà determinata dal medico legale presso l’ufficio dello sceriffo della contea di San Joaquin”.

Spector era in prigione per scontare una pena all’ergastolo per l’omicidio dell’attrice Lana Clarkson.

Secondo TMZ, Spector ha contratto il coronavirus quattro settimane fa ed è stato portato in ospedale, ma si è ripreso abbastanza da essere rimandato in prigione. Tuttavia, si dice che abbia avuto una ricaduta ed è stato ricoverato di corsa in ospedale quando non riusciva a respirare.

Phil Spector è noto nel mondo per aver prodotto nel 1969  l’album dei Beatles Let It Be (1970), oltre a diversi dischi solisti di John Lennon e George Harrison.

Molti dei  singoli da lui prodotti e che hanno raggiunto la vetta delle classifiche internazionali sono i seguenti:

  •  “You’ve Lost That Lovin ‘Feelin” (co-scritto e prodotto per i Righteous Brothers, 1964) la canzone più trasmessa il  negli Stati Uniti nel 20 ° secolo
  • “The Long and Winding Road” (prodotto per i Beatles, 1970)
  • “My Sweet Lord “(prodotto per Harrison, 1970). 

Tra i diversi riconoscimenti, negli anni della sua carriera ha vinto il Grammy Award (1973),  un ingresso nella Rock and Roll Hall of Fame (1989) e nel 1997 nella Songwriters Hall of Fame.

 


Current track

Title

Artist

Background