Post

Share this post

A Londra apre il ristorante dedicato a Batman

Si chiamerà Park Row, e sarà il primo ristorante al mondo dedicato all’universo di Batman.

Aprirà a Londra la prossima primavera e occuperà un edificio Art Déco vicino a Piccadilly Circus, il centro nevralgico della capitale britannica. Il nome si rifà alla decadente area della città di Gotham celebre per aver ospitato la sparatoria che ha ucciso i genitori di Bruce Wayne e l’ingresso sarà una vera e propria Batcaverna. I clienti verranno infatti accolti in una lounge sotterranea da cui si potrà accedere a tre bar e cinque differenti ambienti di ristorazione ispirati ai personaggi DC Comics.

Nello spazio chiamato Pennyworth – come Alfred il maggiordomo di Batman – si potranno gustare piatti tradizionali britannici in un’atmosfera che richiama una lussuosa biblioteca; mentre nell’area dedicata a Harley Quinn (l’ex fidanzata di Joker) si potrà mangiare sushi; i prezzi si aggireranno intorno alle 45 sterline a persona.  L’Old Gotham City, il cocktail barbar, ricorderà invece uno speakeasy, mentre la Iceberg Lounge sarà dedicata al Pinguino – acerrimo nemico di Batman -che sarà rappresentato da una magnifica scultura di ghiaccio. Verranno qui proposti e un menu internazionale e sensazionali spettacoli dal vivo.

Il ristorante più costoso e affascinante è il  Monarch Theatre: sulle sue pareti verranno proiettate immagini che danno vita alle storie degli eroi DC Comics, mentre ai clienti verranno proposti menu–degustazione a circa 120 sterline a persona.

Una visita al locale sarà quindi una tappa obbligata per i fan dell’uomo pipistrello e degli altri personaggi, che in questo periodo stanno riscuotendo un gran successo, a partire dall’Oscar a Joaquin Phoenix per la magistrale interpretazione di Joker.

A volere l’apertura del locale sono state la Warner Bros e una neonata azienda ristoratrice, la Wonderland Restaurants,  le quali hanno annunciato che “Park Row” sarà un’autentica esperienza multisensoriale che “esplorerà la psicologia dell’eroismo attraverso il cibo”.