Post

Share this post

In Inghilterra nasce “Pizza Cab” il taxi trasformato in un forno per pizza

Roberta Chiatti (Londra) – In Inghilterra nasce “Pizza Cab”, il taxi trasformato in un forno  per pizza. L’idea è di  Leo Ferenc, originario del Sussex e da 17 anni fotografo professionista su crociere e a matrimoni i cui 9 taxi londinesi da collezione erano usati come  cabine fotografiche decorative.

A causa del Covid gli eventi e i matrimoni sono stati annullati e di conseguenza il lavoro ha iniziato a scarseggiare per il  55enne che ha poi deciso di seguire il suo intuito e creatività: trasformare uno dei suoi taxi in un veicolo pop-up per la pizza, utilizzando i finestrini del veicolo per installare i forni a gas.

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by PIZZA-LEONATI (@pizzaleonati)

 Stavo guardando in giro per il mondo cosa stava succedendo lo scorso marzo e sapevo che gli eventi sarebbero stati interrotti per un po. Ho queste vecchie cabine fotografiche nei miei taxi e così ho deciso di eliminare l’attrezzatura fotografica e sostituirla con tre piccoli forni per pizza. La scorsa estate abbiamo avuto un paio di pub che non volevano aprire le loro cucine, quindi hanno chiesto se potevamo venire e sistemarci nel giardino sul retro. In pratica siamo diventati come un ristorante, ed è stato fantastico

La pizza cab  si chiama “Leonati” e offre pizze  con ingredienti di provenienza locale e pasta fatta in casa, cotta molto velocemente in stile napoletano. È stato invitato a stabilirsi fuori dallo Yew Tree Inn a Chalvington la scorsa estate, che è collegato a un campeggio, e gli affari sono esplosi.

“Cuciniamo le pizze per 90 secondi a 430 gradi C. È uno stile di pizza molto semplice alla napoletana, con pochi condimenti. La crosta si gonfia. Ci ha colto un po ‘di sorpresa per quanto sia diventato popolare.”

Ora però Leo non si ferma tanto da trasformare un altro dei suoi taxi, questa volta rosso, in una macchina da caffè italiana e ha fornito rinfreschi agli escursionisti nel Sussex durante il lockdown.

 

Ha detto: “Usiamo torrefattori locali tra cui Bean Smitten a Robertsbridge e Redroaster a Brighton […] Abbiamo utilizzato terreni privati ​​come i parcheggi dei pub, con il permesso, ma stiamo cercando alcune posizioni più permanenti e abbiamo bisogno di ottenere il permesso dai comuni. C’è sicuramente un’enorme richiesta di cene all’aperto quest’estate, spero solo che i consigli comunali abbraccino l’idea.”

Nonostante gli manchi fare il fotografo non si lamenta del suo nuovo business, lo trova molto soddisfacente ed è sicuro e felice che i propri prodotti siano freschi e di qualità.