Post

Share this post

MERCATO DISCOGRAFICO MONDIALE CRESCE DEL 7,4% NEL 2020 GRAZIE ALLA SPINTA DEI CONSUMI ONLINE

Londra ( Silvia Pettinari) Tiene il mercato italiano grazie al digitale: +1,44% Crescono gli abbonamenti ai servizi streaming, forte contrazione per le vendite fisiche e i diritti musicali

Qui il Global Music Report completo

 Nel 2020 il mercato globale della musica registrata è cresciuto del 7,4%, segnando il sesto anno consecutivo di crescita: lo dichiara IFPI, l’organizzazione che rappresenta l’industria fonografica internazionale e che pubblica oggi i dati dell’annuale Global Music Report, che mostra ricavi complessivi pari a 21,6 miliardi di dollari.

La crescita, trainata dallo streaming, è legata in particolare ai ricavi dagli abbonamenti
premium, aumentati del 18,5%: alla fine del 2020 si registravano infatti 443 milioni di utenti
di account in abbonamento a pagamento.

La crescita dei ricavi in streaming ha più che compensato il calo dei ricavi di altri formati, inclusi il segmento fisico – diminuito del 4,7% – e i diritti connessi, diminuiti del 10,1% a causa della pandemia.

In un anno complesso per la musica, l’Italia ha mostrato una forte affermazione dei consumi
digitali, che hanno registrato una notevole impennata negli abbonamenti streaming
premium, i cui ricavi hanno visto un incremento del 29,77% superando i 104 milioni di euro.

Si registra una significativa affermazione dei consumi anche sulle piattaforme social, dove i
ricavi dai modelli sostenuti dalla pubblicità sono cresciuti del 31,59% raggiungendo
complessivamente 38,9 milioni di euro; e non è da meno il video streaming, che segna +
24,97%.

Il grande utilizzo di canali come Instagram e Facebook durante la pandemia ha dato
un’accelerata a queste piattaforme, oltre ai tradizionali servizi come Spotify, Amazon Music,
Apple Music e altri.

La quota di mercato del digitale raggiunge così l’81% di tutti i ricavi dell’industria in Italia, contro il 72% del 2019.

Tra fisico, digitale e diritti il mercato ha generato lo scorso anno oltre 258 milioni di euro, segnando + 1,44% sull’anno precedente.

“In questo anno difficile si è di fatto conclusa la lunga fase di transizione digitale del mercato
musicale italiano: i consumatori di tutte le età hanno finalmente abbracciato le offerte online
generando un significativo incremento nella fruizione dei contenuti musicali su tutte le
piattaforme” ha commentato il CEO di FIMI, Enzo Mazza.

Molto rilevante per il settore è stata anche la conferma degli investimenti da parte delle
case discografiche nonostante la complessità del periodo, garantendo il perimetro
occupazionale e la continua attività di ricerca e sviluppo.

Le imprese hanno proseguito nella pubblicazione di novità discografiche anche nella fase più difficile, rispondendo a una sfida epocale per il settore creativo.

Il risultato è che nel 2020 sono stati certificati 156 album tra oro e platino, poco sotto i 166
dell’anno precedente.

Il digitale, e in particolare lo streaming, hanno confermato la grande
vivacità e le vaste opportunità per gli artisti italiani. La top ten della classifica annuale degli
album più venduti è stata infatti occupata al 100% dal repertorio italiano, ampliando e
diversificando allo stesso tempo l’offerta.

Immagine che contiene tavolo Descrizione generata automaticamente
Ed è cresciuto il numero di artisti che hanno ottenuto significativi risultati di vendita: nel
2020 sono stati 246 gli artisti italiani che hanno superato i dieci milioni di stream contro i 97
che nel 2010 avevano superato la soglia delle diecimila copie vendute tra fisico e download.

Le opportunità offerte dal digitale hanno moltiplicato e amplificato il successo degli artisti
consentendo di raggiungere risultati notevoli negli ultimi anni.

Il segmento fisico è stato penalizzato nel 2020 dalle ripetute chiusure – anche se in parte
compensate dalla crescita dell’e-commerce, adottato anche da molti retailer tradizionali. E
se il vinile continua a mostrare una crescita costante, segnando un incremento del 2,50%, a
frenare la caduta del CD ha contribuito il Bonus Cultura, attivo anche nell’anno passato: da
18app sono giunti ricavi per oltre 16 milioni di euro, buona parte proprio sul prodotto fisico.

Grande sofferenza, invece, si registra inevitabilmente nel segmento dei diritti, dove la chiusura degli esercizi commerciali, delle attività di svago e della ristorazione ha segnato una perdita di oltre 18 milioni di euro con un calo superiore al 31%.