Post

Share this post

S. Cristoforetti (ESA): “Felice di provare il Crew Dragon di Elon Musk”

Roberta Chiatti (Londra) – Samantha Cristoforetti (Astronauta ESA) è intervenuta in esclusiva su London ONE radio per anticipare i prossimi progetti che avverranno in orbita durante la prossima missione prevista ad Aprile 2022.

L’astronauta ,questa volta, sarà comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) che raggiungerà a bordo di un Crew Dragon,  il nuovo veicolo costruito da SpaceX, azienda aerospaziale privata e fondata da Elon Musk.

Samantha ci confessa di essere molto felice, perchè curiosa di fare il lancio su un veicolo completamente diverso, ma ammette di non essere emozionata come la prima volta, ed è meglio così perchè:

Voglio viverla con più “buffer cognitivo”. La prima volta c’è tanto che ti succede soprattutto nella fase di lancio e di atterraggio e anche in un tempo molto compresso. È anche difficile per il cervello processare quello che stai vivendo

La sua seconda esperienza in orbita, che durerà 6 mesi, sarà così ricca di curiosità, alta concentrazione e con qualche altra responsabilità in più, essendo comandante della stazione:

Il ruolo del comandante è di fare ancora più attenzione, rispetto a quello che fanno tutti, al fatto che il lavoro di squadra funzioni, che la comunicazione sia serena, che tutti stiano bene e che nessuno stia avendo difficoltà

 Cosa si farà in orbita nel 2022?

Oltre  alle attività di manutenzione della stazione, è previsto un programma sperimentale che comprende la comprensione dell’adattamento del corpo umano in assenza di peso. Questa volta però sarà possibile farlo attraverso macchinari che osservano in modo più dettagliata questi adattamenti.

Questo però non deve portarci a pensare che tra un paio di anni l’essere umano sarà in grado di abitare altri pianeti, come ci spiega Samantha:

In tempi sicuramenti lunghi, auspico che un giorno diventeremo una specie multiplanetaria che sarà anche in grado di vivere su altri pianeti […] Specifico che non si vuole andare su altri pianeti perchè la Terra non è più abitabile, vi assicuro che Marte e molto più inabitabile rispetto alla Terra in questo momento

Pertanto non illudiamoci se vengono realizzati  voli suborbitali, come quello di Richard Branson, oppure orbitali (che potrebbero verificarsi anche quest’anno) perchè sono solo l’inizio di un “turismo spaziale”  ancora lontano dall’idea di popolare un altro pianeta.

Per saperne di più ascolta l’intervista integrale:

 

Londonone radio sky
Londonone radio sky

Archives